Trend smartphone: quali le caratteristiche degli smartphone del 2017?

In questo articolo analizzeremo i trend smartphone più diffusi del momento, e che caratterizzano lo smartphone ideale del 2017, ovvero lo smartphone più desiderato dagli utenti di oggi. Al giorno d’oggi difatti, l’utente medio risulta sempre più esigente dal proprio device mobile, e questo si ripercuote nel design, così come nelle componenti richieste per la produzione di smartphone, che hanno notevolmente aumentato la qualità di smartphone anche appartenenti alla fascia bassa del mercato.

Le caratteristiche degli smartphone che hanno differenziato nel tempo i primi modelli dagli attuali sono essenzialmente le seguenti:

  • Spessore
  • Design
  • Materiali
  • Fotocamera
  • Display

Trend smartphone sullo spessore

Le tendenze attuali prediligono smartphone che siano i più sottili possibili. La sottigliezza di uno smartphone difatti, è vista come un requisito estetico essenziale, quasi imprescindibile, e che ne rivela la bellezza intrinseca agli occhi di un utente utilizzatore di dispositivi mobile.

Il trend attuale sullo spessore di uno smartphone top di gamma oscilla con piccole variazioni tra i 7 e gli 8 mm. Come esempio, si consideri l’ultimo top di gamma di casa Apple, iPhone X, che possiede uno spessore medio di circa 7,7 mm, o il Galaxy S8 di Samsung, con 8 mm di spessore.

Il Design

Il design dello smartphone del 2017 è un design armonioso, con linee dolci che uniscono senza soluzione di continuità  la parte anteriore con quella posteriore. Assistiamo ad una naturale evoluzione del design degli smartphone da questo punto di vista: soluzioni sempre più complesse per il display (impiego di vetro con curvatura 2.5D sui bordi, bordi arrotondati in senso longitudinale o trasversale) che restituiscono un oggetto che sia il più possibile senza spigoli e senza parti più squadrate, molto spesso anche a scapito della stessa ergonomia (smartphone di questo tipo, in associazione ai materiali premium utilizzati dagli smartphone top di gamma di cui parleremo a breve, rendono questi device molto scivolosi).

I materiali

Anche in tal caso, il trend attualmente in vigore predilige l’uso di materiali per il posteriore che negli anni sono notevolmente variati: il primo precursore di uno studio sempre maggiore per l’assemblaggio e l’uso di materiali innovativi fu Apple con iPhone 4, presentato nel 2010.

Esso fu il primo smartphone che si distanziò dalla concorrenza, presentando un retro totalmente in vetro, ed una cornice in acciaio che svolgeva il doppio ruolo di elemento di design ma anche di antenna per il passaggio dei segnali radio.

iPhone 4 prese le distanze quindi dai materiali usati fino ad allora (back cover in policarbonato), divenendo il precursore di quelle che sarebbe stata una vera e propria cura nella scelta e nello studio di materiali innovativi per gli smartphone.

Gli smartphone attuali prediligono l’uso di acciaio (iPhone X per esempio), o vetro (Galaxy S8, Honor 9) o ancora alluminio (iPhone 7).

La fotocamera

Anche in questo caso, il trend smartphone attuale ha visto una progressiva evoluzione anche del comparto fotocamera. Chi non ricorda le prime fotocamere sui primi smartphone? risoluzioni da 2 o 3 megapixel, colori totalmente innaturali, evidente rumore digitale in notturna, flash led totalmente insufficienti ad illuminare le scene.

Il trend attuale predilige smartphone con fotocamere dotate di doppi sensori. In esse, il primo sensore è responsabile dello scatto vero e proprio: si tratta di sensori RGB da almeno 12 megapixel con ottiche molto luminose (f/1.8 e superiori) che realizzano scatti sotto ogni condizione di luce.

In aggiunta, i nuovi smartphone 2017 prevedono l’inserimento di un secondo sensore monocromatico, che può assolvere diverse funzioni: Smartphone come l’iPhone di Apple usano questo sensore per realizzare il cosiddetto “effetto bokeh” tanto caro agli amanti delle reflex, e che permette, mediante interpolazione delle immagini, di far risaltare il soggetto in primo piano su uno sfondo sfocato. Inoltre il secondo sensore permette uno zoom ottico fino a 2X.

Altri smartphone utilizzano invece la seconda camera in maniera differente: LG ad esempio, realizza sensori grandangolari, che riprendono così una porzione di panorama molto più vasta rispetto alle normali foto che si realizzano con gli smartphone attuali, permettendo così di riprendere paesaggi nella loro interezza.

Display

Ultima caratteristica è il display. Anche questo ha visto una progressiva evoluzione nel corso degli anni, fondamentalmente sotto due punti vista: partendo da display poco risoluti con dimensioni di circa 3,5”, essi si sono evoluti fino ad i giorni nostri con una velocità  davvero inaspettata.

Il trend smartphone attuale per i display, vede pannelli che hanno risoluzioni minime in HD, e che arrivano per molti smartphone top di gamma fino al 4K, e schermi che variano dai 4,5” fino ai phablet, una categoria a se stante (di cui l’esemplare più illustre è il Galaxy Note di Samsung) che possiede display fino a 6 pollici.

 

Un ringraziamento al nostro amico Tindaro Battaglia per questo splendido post sulle novità nel mondo degli smarphone!